L’avete mai sentita? La garmugia è una zuppa originaria della Toscana, precisamente di Lucca, che si prepara con dei semplici ortaggi e legumi tipici del periodo primaverile. Questa facile ricetta è un vero toccasana e concentrato di gusto: vediamo insieme come si prepara!

La garmugia, la conoscete? Questo piatto è originario di Lucca, in Toscana, e venne precisamente inventato nel lontano Seicento da parte della nobiltà locale. Si tratta di una zuppa densa e ricca, che include sia la carne, alimento all’epoca riservato ai più abbienti, sia ortaggi e legumi di stagione, primaverili, ricchi di preziose sostanze nutritive.

Questa composizione la rende un piatto ricchissimo e nutriente, un pasto completo e gustoso per ricaricarsi con gusto. All’epoca in cui è stato inventato questo piatto veniva infatti somministrato ai malati per rimetterli in forma. Quindi come si prepara? Vediamolo subito insieme!

Per realizzare una garmugia per 4 persone vi serviranno: 130 g di fave sgusciate, 130 g di pisellini sgranati, 200 g di asparagi, 3 carciofi, succo di limone, 3 cipollotti freschi, 1 carota, 150 g pancetta a fette, 200 g macinato di vitello, sale, olio extravergine di oliva, pepe.

Garmugia toscana: gli ingredienti e la ricetta passo passo

Iniziamo a sgusciate le fave, sgranate i piselli, lavate gli asparagi, pulite i carciofi e coprite con il succo di limone così non anneriscono.
Pulite i cipollotti. Conservate gli scarti di tutte le verdure pulite e poi mettetele in acqua salata a bollire.

Pulite la carota e aggiungetela alle altre verdure. Lasciate cuocere a fuoco medio per circa 45 minuti, poi aggiustate di sale. Filtrate il brodo, affettate i cipollotti e soffriggeteli con la pancetta. Poi lasciate rosolare, quindi aggiungete il macinato di vitello.

Intanto tagliate i carciofi a fettine e poneteli nella casseruola, insieme alle fave, i piselli e circa due mestoli di brodo. A questo punto dovete aggiungere gli asparagi tagliati a pezzetti, coprite il tegame e lasciate a cuocere a fuoco lento per circa 10 minuti. Il brodo va aggiunto man mano, un po’ alla volta, ma facendo attenzione a che la vostra zuppa non diventi mai troppo liquida, deve mantenere una sua buona densità.

Una volta cotta la zuppa salate e pepate a piacimento, servite calda con crostini di pane tostato.