Un cartello divertente, ma allo stesso tempo molto saggio, è stato esposto da un fruttivendolo ambulante siciliano. La sua ironia ha colpito molti dei passanti, che ovviamente non hanno potuto fare a meno di scattare una foto, e così questo cartello è diventato subito virale, finendo anche nella famosa rubrica di Cristiano Militello su Striscia La Notizia. 

Le tradizioni e le abitudini popolari, in ogni parte d’Italia, si legano in maniera inscindibile anche alla cucina, ai sapori e ai cibi. Parlare di fruttivendoli ambulanti, in particolar modo al Sud Italia, significa evocare storie di altri tempi, qualità di prodotti e saggezza popolare che non sono stati ancora dimenticati. Ed è proprio nelle strade della Sicilia che un fruttivendolo ha scelto di esporre un cartello che mescola ironia a profonda verità.

Oltre ad esporre la frutta e la verdura, questo fruttivendolo ha deciso di appendere un cartello fuori dal suo apecar, che ha subito attirato la curiosità dei passanti. Come spesso capita, basta una foto pubblicata sui social per rendere virale qualcuno o qualcosa, e così è successo anche in questo caso! Andiamo a vedere, nel dettaglio, cosa recitava il cartello!

Fruttivendolo virale in Sicilia

A rendere virale il cartello esposto da questo fruttivendolo ambulante siciliano è stato Cristiano Militello, storico inviato di Striscia La Notizia. Ma cosa riportava questo cartello che è stato condiviso da moltissime persone sul web? Ebbene, la frase era la seguente: “Nel 1970 sono andato a Venezia, siccome non c’era Facebook ve lo dico adesso”.

Una frase in apparenza molto semplice, ma che nasconde una critica e una verità assoluta sulla società di oggi, dove ciascuno di noi è spinto a condividere in diretta qualsiasi momento della propria vita, spesso senza godersi in maniera profonda ciò che sta vivendo ma solo pensando a pubblicare foto e ricordi sul web. Il messaggio del fruttivendolo, in parte legato anche ad un mestiere che richiama le tradizioni, è quindi estremamente attuale.