Nel cuore di Roma, oggi, come in un filo rosso che unisce l’Umbria al Lazio, una dinastia di salumieri di origine nursina porta avanti la tradizione della norcineria e del buon cibo. L’eredità arriva da una famiglia che fin dal lontano 1870, dopo essersi trasferita dalla Valnerina alla Capitale, ha gestito un’attività di salsamenteria, avendo come prima base Campo Marzio.

L’Italia, con le sue tradizioni, i suoi usi e i suoi costumi ha prodotto e produce ancora oggi innumerevoli eccellenze eno-gastronomiche che generano non solo positive ricadute in ambito economico ed occupazionale ma ampliano anche il riconoscimento e la valorizzazione del profondo legame insito tra uomo, ambiente e territorio.

In questo senso, il termine “Norcinerie” è oramai popolare e di uso comune per indicare pratiche e tradizioni della conservazione delle carni attuate mediante vari ‘stratagemmi’, come ad esempio salagione, insaccatura e affumicatura. Dire norcinerie significa dire carni di qualità; un termine che trae origine dalla zona di Norcia, città dell’Umbria nel cuore della Valnerina: proprio in queste zone, fin dal I secolo d.C ha avuto infatti origine la cultura della conservazione e della stagionatura delle carni.

La vera norcineria a Roma

Emiliano Volpetti infatti è l’attuale titolare della “Salumeria Storica Volpetti”, situata più precisamente in Via Nomentana 285, davanti a Villa Torlonia:

Da quando i Volpetti sono arrivati a Roma, nel 1870, hanno aperto in tutto 12 salumerie. Ho gestito con mio padre il negozio che abbiamo avuto per 50 anni a Roma in zona Portuense, dopo aver chiuso nel 2008, e aver seguito vari progetti gastronomici, un paio di anni fa sono tornato a esibire il cognome Volpetti sull’insegna di un locale adatto: siamo in un bel palazzo storico, cercavo un posto così, che ci rispecchiasse.

La rinnovata salumeria storica Volpetti ci traghetta dentro un autentico paradiso del gusto: dal ciauscolo al salame corallina, dalle salsiccette appassite alla spianata piccante, senza dimenticare la salamella cicolata col fegato, e i tanti e immancabili prosciutti e guanciali a terminare la stagionatura. E ancora, a scaffale vi si può trovare: olio di famiglia, selezioni di formaggi e conserve fatte in casa.  Le carni suine sono allevate a chilometro zero, nei terreni dei Volpetti oggi  situati tra Montecchio e Montecastrilli, in provincia di Terni.

Come ulteriore tocco d’autore, per offrire un’esperienza del gusto a tutto tondo, la rinnovata salumeria è diventata anche “Pizzic’Osteria” nella quale, oltre ovviamente a portare via i prodotti, si può anche assaggiare ai tavoli direttamente in bottega: piatti delle tradizione umbra e accostamenti sfiziosi, a base rigorosamente di formaggi e norcinerie, sono a disposizione tutti i giorni per chi vuole assicurarsi un viaggio di piacere tra sapori irresistibili e autenticamente genuini.