Lo scorso giovedì 11 gennaio è andata in onda una nuova puntata di Masterchef Italia, piena di colpi di scena. Tra la sfida in esterna nella capitale e una Mistery Box davvero curiosa, è anche saltato fuori un risotto, che secondo Bruno Barbieri, sarebbe stato fatto a regola d’arte.

Nel corso delle varie puntate di Masterchef Italia il pubblico ha modo di scoprire i segreti di moltissime ricette, e tra queste nel corso dell’ultima puntata quella del risotto è stata la vera protagonista. Si sa, il risotto è uno di quei piatti che divide sempre, e la sua preparazione è comunque sempre soggetta a qualche particolare segreto.

Ma nel corso della puntata andata in onda su Sky lo scorso giovedì 11 gennaio i segreti per prepararlo al meglio sono stati svelati da Bruno Barbieri, giudice di Masterchef Italia. Preparare un buon risotto non è cosa scontata, e in questa tredicesima edizione sono stati in molti a provarci, con risultati sempre molto discutibili.

Risotto perfetto: ecco come prepararlo secondo i giudici di Masterchef

Così, nell’ultimo Pressure test dedicato ai funghi, qualcuno ha osato lanciarsi in un risotto ai funghi, ma per lo più fallendo. Ma quindi come prepararlo? Innanzitutto bisogna scegliere una casseruola bassa e larga, possibilmente in rame stagnato o in rame con rivestimento di acciaio inox.

Il riso deve essere cotto fino a quando non ottiene un colore bianco madre-perla. Poi prepariamo il soffritto con la cipolla o carota e sedano. Secondo lo chef Barbieri il taglio delle verdure non deve superare i tre millimetri o in cubetti da cinque millimetri. Per sfumare il risotto usiamo del vino bianco per risotti a base di carne bianca, oppure pesce, crostacei. Il vino rosso per risotti con formaggi o con selvaggina.

Nel suo libro ” Se vuoi fare il figo usa lo scalogno” (Rizzoli, 2012) lo chef Carlo Cracco consiglia il riso Carnaroli, che ha un chicco grande e robusto. Questo tipo di riso sarebbe preferibile al Vialone Nano che ha invece il chicco più piccolo e ovale, e che quindi si fa anche più fatica a cuocere e mantecare. Insomma, mettetevi ai fornelli con questi suggerimenti e sperimentate!