Eleonora Riso è risultata vincitrice della tredicesima edizione di Masterchef Italia. Un risultato davvero straordinario che la giovane chef ha accolto con gioia immensa. Ma adesso, a qualche giorno dalla vittoria, Eleonora ha deciso di svelare alcuni importanti retroscena sulla sua esperienza.

Si chiama Eleonora Riso, ha soltanto 27 anni ed è di origini toscane. Ma soprattutto, è diventata nota al grande pubblico per aver vinto la tredicesima edizione di Masterchef Italia. Un risultato davvero straordinario, merito della sua grande abilità e del suo talento. A qualche giorno dalla vittoria, in una conferenza stampa, la giovane ha svelato alcuni retroscena della sua partecipazione al programma.

Innanzitutto, la giovane ha voluto mettere in chiaro quale sia il rapporto fra lei e Niccolò, che è stato eliminato a un passo della finale:

Se ho festeggiato con Niccolò? Ho festeggiato con tutti, ricordo che mi sono divertita, il resto un po’ meno. Per ora cavalco l’onda ma il progetto c’è, è un progetto incredibile: voglio andare a vivere in campagna e utilizzare quello spazio per fare quello che mi va, accogliere le persone, fare da mangiare, api, cani… il mio futuro è la cucina ma non solo, anche quello che c’è tutto intorno.

Eleonora Riso rivela tutto: i retroscena della vittoria a Masterchef

La vittoria a MasterChef per Eleonora Riso è stata colma di imprevisti, sorprese, ostacoli da superare, ma con la sua grinta e il suo talento alla fine ce l’ha fatta. Qualche rischio se l’è preso, soprattutto nel menu della finale:

 Il mio menu è stato rischioso, non volevo raccontare me ma divertire e stupire, che è la cosa più ganza che uno può sentire quando mangi qualcosa per la prima volta. Punto di partenza è stato il mochi perché la prima volta che l’ho mangiato sono impazzita. Come mi è venuto in mente lo zuccherino sotto? A caso… ero in giro per Milano, l’ho visto e sono impazzita. Ogni cosa che penso mi arriva a caso.

Infine Eleonora ha ringraziato i giudici di Masterchef, che ha trovato estremamente umani e fondamentali in questo percorso, in particolare lo chef Antonino Cannavacciuolo, con cui si è instaurato un rapporto speciale.