Tutti gli appassionati di cucina lo conoscono, e ormai è diventato un volto noto anche della tv: stiamo parlando dello chef Giorgio Barchiesi, noto anche come Giorgione, iconico personaggio del canale televisivo Gambero Rosso. Nelle ultime ore le sue parole su Masterchef hanno però dato di che riflettere.

Giorgio Barchiesi, in arte Giorgione, è un personaggio iconico, che non si può dimenticare dopo averlo visto anche solo una volta! Il celebre chef oggi è il volto simbolo del canale telematico di Gambero Rosso, dove conduce diversi programmi. Da anni Giorgione si è fatto promotore di un certo tipo di cucina, in un certo senso in controtendenza rispetto alle attuali mode culinarie.

Le ricette proposte dal noto ristoratore italiano promuovono una scelta degli ingredienti che deve essere molto accurata e soprattutto rigorosamente a km zero, prediligendo i cibi dell’orto e senza ricercare ingredienti complessi o fuori dalla portata. La sua concezione della cucina è radicale, come lui stesso ha dichiarato a MilanoMarittimaLife:

Chef significa capo, alla guida di una brigata dopo anni di formazione. Io mi sento un oste, colui che ospita, accoglie le persone e le fa sentire a proprio agio, cucinando per loro ‘alla come me pare’.

Giorgione detta nuove regole a MasterChef: ecco cosa deve cambiare

In particolare il noto cuoco prodiga ricette ricche di grasso, che a suo dire sarebbe un toccasana per la salute, definendo lui stesso i suoi piatti fieramente “laidi e corrotti”. Insomma, niente salmone, niente avocado, niente ricette fit, solo tanto olio, tanto burro e tanto gusto, per le ricette di Giorgione, che a Tag24 ha dichiarato che è stato proprio lo staff di Gambero Rosso a rivolgersi a lui:

Sono loro che hanno sentito parlare di me e si sono presentati al ristorante.

Giorgio Barchiesi ci tiene a specificarlo, lui non è mai andato alla ricerca della fama. La sua unica passione è sempre stata quella per la cucina a km zero e per ricette e piatti genuini. Inoltre ha spiegato che a MasterChef non parteciperebbe mai perché:

Ho la sensazione che là la cucina sia solo un pretesto. Poi io al mio ristorante offro piatti laidi e corrotti. Lontani da quelli stellati.