Sapevate che c’è una stretta correlazione tra quello che mangiamo e il modo in cui funziona il nostro cervello? In particolare ci sono alcuni cibi che, se inseriti nella dieta quotidiana di ciascuno, possono portare dei grossi benefici alla memoria: scopriamo insieme quali sono, quando mangiarli e in quali quantità!

C’è un legame importante tra il benessere del nostro cervello, il centro di controllo della maggior parte delle funzioni del nostro organismo, e quello che mangiamo quotidianamente. Questo aspetto riguarda anche la capacità di avere una mente brillante e una memoria di ferro: quanto velocemente memorizziamo le informazioni e quanto rapidamente recuperiamo le informazioni che conosciamo, infatti, dipende anche dagli alimenti che assumiamo.

Concentrazione, memorizzazione, apprendimento e brillantezza mentale, quindi, dipendono dal cibo. Ma quali sono i migliori alleati per il cervello? Ci sono degli alimenti in particolare a cui viene riconosciuta la capacità di tenere allenato il cervello e di aumentare la memoria: scopriamo insieme quali sono!

I cibi per la memoria

Nella nostra dieta settimanale, se vogliamo che le nostre capacità mnemoniche siano al 100% e che il nostro cervello abbia tutte le sostanze migliori per poter funzionare al massimo, dobbiamo assolutamente inserire gli alimenti che stiamo per elencare. Partiamo subito dal pesce, ricco di acidi grassi omega-3, tra cui il DHA, che ha la funzione di migliorare la comunicazione tra le cellule nervose. Fondamentali anche i mirtilli, che grazie alla quantità di antiossidanti, riescono a favorire il flusso di ossigeno che va dal cervello alle cellule celebrali.

Stimolando il sistema nervoso centrale, e favorendo così la concentrazione, il caffè un altro alimento che può essere un valido alleato per memoria e cervello. Attenzione anche alla curcuma, indicata per la capacità di favorire la produzione di nuovi neuroni. Vitamine B, antiossidanti e proprietà anti-infiammatorie portano a consigliare anche i broccoli in questa lista di alimenti.

Ottimi i semi di zucca, che aiutano nella trasmissione dei segnali nervosi; il cioccolato fondente; le noci; le arance per il flusso di sangue diretto al cervello e le uova.