Il consumo di gelato artigianale è in costante aumento in Italia, così come lo sviluppo di attività legate alla produzione del gelato. Al Sigep di Rimini, grande fiera pensata proprio per celebrare la creatività nell’ambito della pasticceria e della gelateria, sono stati evidenziati i numeri in crescita del settore e quali sono le gelaterie che hanno conquistato un importante riconoscimento. 

Gli italiani amano il gelato artigianale sempre di più. A confermarlo sono i dati che emergono dal consumo di questo alimento, in crescita del 13% tutto l’anno. Si tratta di un fenomeno che può essere indicato come “destagionalizzazione”, con il consumo di gelato artigianale che diventa non più legato solo all’estate ma in generale connesso all’assaggio di un prodotto tipico locale.

Al Sigep di Rimini è andata in scena la presentazione “Gelaterie d’Italia”, tenuta dalla guida Gambero Rosso.

Gelateria artigianale: le new entry

Tanti i premi che sono stati attribuiti alle gelaterie artigianali che sono sbocciate nell’ultimo periodo e che si sono contraddistinte per la diversificazione dell’attività e per la qualità dei prodotti. Tra le premiazioni che sono state assegnate, anche quella per le gelaterie emergenti. Questo riconoscimento è stato consegnato a Talia Semerano, che gestisce ad Ostuni il locale “Ciccio in piazza”. Forte dell’esperienza e della maestria del nonno, che aveva avviato l’attività, ha saputo coniugare innovazione e tradizione creando un connubio perfetto.

Segnale di un settore che sta procedendo spedito per quello che riguarda lo sviluppo è anche il fatto che siano state inserite ben 78 nuove gelaterie nella guida di Gambero Rosso. Premiate poi con il massimo riconoscimento – ovvero con i Tre Coni – ben 70 gelaterie. Ma quali sono le regioni italiane più virtuose in questo senso?

La Lombardia si caratterizza come la regione con il maggior numero di gelaterie con Tre Coni (sono ben 14 in tutto), seguita poi da Piemonte (10) ed Emilia-Romagna (9).