C’è una nuova tendenza che sta spopolando sul web e che riguarda gli “stravizi” che ci sono stati durante il periodo delle feste di Natale, anche a tavola. Un metodo per disintossicarsi dall’eccesso di cibo e alcol è infatti quello del Dry January, ovvero un mese intero senza bere alcolici, tra cui soprattutto vino e spumante: è davvero un toccasana per la salute oppure ci sono dei rischi? 

L’arrivo di gennaio coincide anche con i buoni propositi, e tra questi c’è sicuramente anche quello di mettersi a dieta e “disintossicarsi” dall’eccesso di cibo e alcol che ci ha accompagnato durante le feste di Natale. E proprio per raggiungere questo obiettivo torna in auge la tendenza del Dry January, ovvero la scelta di non bere per nulla alcolici – incluso vino e spumante a tavola – per un mese intero, ovvero quello di gennaio.

Quali sono i reali benefici di questa “sfida”? Si tratta davvero di una scelta salutare oppure potrebbe mettere a rischio chi la compie?

Il Dry January funziona?

A dire la sua sul Dry January è stato Giorgio Calabrese, a capo del comitato nazionale per la sicurezza alimentare, che ha messo i punti critici di questa abitudine. Come evidenziato, la sospensione totale dell’assunzione di un alimento oppure degli alcolici produce un beneficio nel periodo di tempo in cui viene effettuata – perché effettivamente disintossica il corpo e il fegato – ma bisogna poi valutare se le abitudini nel lungo periodo tornano ad essere quelle di prima.

L’invito di Calabrese, infatti, è di scegliere la via del riequilibrio, anche nell’assunzione di alcol, tendendo a raggiungere le quantità consigliate durante i pasti. Il suggerimento dell’esperto, per esempio, è quello di bere due dita di vino a pasto, bevendo sempre in concomitanza all’assunzione di alimenti. Se si è abituati a bere di più si dovrebbe cercare di arrivare gradualmente a questa quantità, che può avere un effetto benefico per la digestione – specialmente se si mangia carne rossa – oltre che per la psiche.

La regola, secondo Calabrese, deve puntare sull’equilibrio e sul rispetto delle dosi da non oltrepassare assolutamente: un bicchiere e mezzo per gli uomini durante il pasto e un bicchiere per le donne, considerando sempre come riferimento un pasto completo e non, ad esempio, un pranzo veloce.