Il Cornetto e Magnum si separano da una delle principali aziende britanniche, Unilever. Chi non ha mai gustato uno dei gelati Magnum durante l’estate? E chi non pensa al Cornetto come simbolo delle vacanze e dei bei momenti che si trascorrono solo in estate? Vediamo insieme quello che sta succedendo a livello aziendale e quali potenziali ripercussioni ci saranno per i consumatori. 

Chi non ha mai gustato un Magnum durante l’estate, felice di godersi un bel gelato sotto la calura estiva? Magnum, intesa come marchio, è una delle aziende che accompagnano i consumatori nel periodo delle vacanze e che sono ormai diventate una garanzia. Allo stesso modo anche il Cornetto è diventato un simbolo indiscusso delle estati italiane, e non solo.

I gusti sono ormai diversi e molteplici, adatti a qualsiasi preferenza e per qualsiasi occasione, volti ad incontrare le esigenze dei più piccoli ma anche quelle dei più grandi. Sapevate, però, che a livello societario si sta vivendo un momento molto particolare per questi due brand? Vediamo insieme cosa sta succedendo.

Magnum e Cornetto cambiano proprietà

Questi due grandi marchi, noti in tutto il mondo, facevano riferimento ad una società più grande, di proprietà britannico-olandese, ovvero Unilever. La notizia delle ultime ore, che ha suscitato una certa sorpresa nel mondo imprenditoriale, riguarda proprio Unilever: la società si separerà definitivamente da Magnum e Cornetto.

Il motivo? Secondo quanto riportato dai ben informati, Unilver vorrebbe riorganizzare la produzione e intende rafforzarsi sul mercato come singolo brand, interrompendo quindi il sodalizio che l’aveva portata a creare un’unione di intese con Magnum e Cornetto. La parte relativa all’unità gelati, che rimarrà quindi autonoma e non più integrata, punta a raggiungere importanti risultati di business a livello mondiale, considerando che il fatturato nel 2023 è stato di quasi 8 miliardi.