“A 52 anni mi sono accorto che non so più fare la spesa”, questa frase è stata estrapolata dal discorso fatto da Fabio Volo durante la puntata delle Iene e manifesta un disagio che forse accomuna diversi consumatori. Ma è davvero impossibile destreggiarsi tra le tante offerte e i moltissimi prodotti che si trovano al supermercato? Scopriamo insieme alcuni consigli da seguire per fare una spesa consapevole. 

Scegliere cosa mangiare, in un sistema in cui ormai tutto ha a che fare con la salvaguardia dell’ambiente, con la tutela della propria salute e con la volontà di preservare anche un’etica, è diventato sempre più difficile. Questo aspetto, apparentemente banale, è stato sollevato durante il monologo di Fabio Volo andato in onda nella puntata delle Iene in prima serata: “Ho un problema: a 52 anni mi sono accorto che non so più fare la spesa“, queste le sue parole.

Ma come ci si può destreggiare in un ambito così delicato come quello della scelta del cibo da acquistare e da portare sulle nostre tavole? Come spesso indicano gli esperti, è fondamentale consultare sempre le etichette, che contengono informazioni dirimenti nella scelta di cosa comprare. Vediamo insieme alcuni consigli pratici.

La spesa intelligente: come decidere cosa acquistare

Nel momento in cui vi trovate a scegliere la carne da acquistare, ad esempio, potete verificare alcune informazioni sull’etichetta che indicano la qualità del prodotto, come:

  • la provenienza da un’azienda agricola certificata Bio
  • codice identificativo (IT più codice numerico) che, inserito nel sito Vetinfo, fornisce informazioni dettagliate sull’animale e sull’allevamento

Attenzione anche al prezzo: se sembra troppo basso rappresenta sicuramente un campanello d’allarme sulla qualità della carne che stiamo per acquistare. Se invece vi trovate a voler comprare del pesce, è sempre meglio orientarsi sul pescato rispetto a quello in scatola. In ogni caso, se optate per la seconda possibilità, cercate sempre il logo MSC, ASC oppure l’indicazione di un marchio biologico, che rappresenta una garanzia in termini di tutela e rispetto dell’ambiente.

Per quanto riguarda frutta e verdura, il consiglio è quello di seguire la stagionalità e scegliere sempre aziende locali e biologiche. Evitate di acquistare verdura già imbustata, seppur più pratica, come ad esempio l’insalata in busta.