Tra le tante aperture previste per il 2024, con diversi chef stellati che hanno deciso di dare il via a nuove aperture un po’ in tutta Italia, c’è anche un’interessante nuova esperienza che si realizzerà in Umbria. Si tratta di un progetto di collaborazione che vedrà come protagonista uno chef che è stato già premiato con due stelle Michelin e che è stato anche inserito nella guida di Gambero Rosso. 

Curiosi di conoscere alcune delle nuove esperienze culinarie che si potranno fare nel 2024? Ci sono tante nuove aperture, che riguardano anche chef stellati come Carlo Cracco, che sono stati annunciati per il nuovo anno e che porteranno nuovi locali in tante diverse città d’Italia. Tra le novità più interessanti c’è anche una collaborazione, che prenderà il via in Umbria, con protagonista lo chef Gennaro Esposito.

Stiamo parlando di un nome ben conosciuto nel mondo della cucina, visto che Gennaro Esposito è stato premiato con due stelle Michelin ed è stato anche inserito nella guida “Ristoranti d’Italia” di Gambero Rosso, ricevendo tre forchette. Consolidando un progetto già avviato con una realtà umbra, sono state annunciate delle belle novità!

Gennaro Esposito e Centumbrie: la collaborazione

Come anticipato, Gennaro Esposito aveva già realizzato una collaborazione con Centumbrie in occasione del periodo natalizio del 2022. In quel caso dalla partnership tra le due realtà era nato un panettone, messo in commercio proprio per quel Natale. Ora, però, il progetto si allarga con l’idea di dare vita ad un vero e proprio locale, con cucina a vista e circa 100 coperti in totale.

Secondo le prime indiscrezioni, il locale avrà anche un ampio spazio esterno, dove potranno essere ospitate circa 80 persone.

Ad ufficializzare lo sbarco in Umbria è stato proprio lo chef Gennaro Esposito, che ha sottolineato come la collaborazione con Centumbrie – azienda a gestione familiare che ha la sua sede nel comune di Magione, in particolare ad Agello – sia fondamentale per potersi avvicinare a questo territorio, così ricco di realtà artigianali oltre che di materie prime di altissima qualità.