La partecipazione a “4 Ristoranti” assicura una visibilità senza precedenti ai proprietari delle attività che decidono di sfidarsi con i colleghi di fronte ad Alessandro Borghese. A volte, però, accadono anche degli episodi spiacevoli: uno di questi è stato raccontato da un ristoratore, ex concorrente, che ha contestato il meccanismo del programma e ha minacciato di proseguire per vie legali.

4 Ristoranti, il programma condotto da Alessandro Borghese, che porta a sfidarsi ristoratori di tutta Italia per cercare il migliore posto dove mangiare di città in città, non è immune dalle polemiche. Ogni tappa mostra un luogo diverso d’Italia e garantisce una visibilità senza pari ai ristoratori che decidono di mettersi in gioco, accettando il giudizio dei loro colleghi-sfidanti e quello di Alessandro Borghese. 

Peccato, però, che a volte capitino degli inconvenienti. Tra le storie del dietro le quinte, c’è una che mette a rischio la reputazione di “4 Ristoranti”. Il concorrente Daniele Bovolan, classificatosi all’ultimo posto nella puntata in cui ha partecipato, ha rivelato di aver pensato di passare alle vie legali.

Danno d’immagine a 4 Ristoranti

Se è vero che la partecipazione a 4 Ristoranti può essere un trampolino di lancio per un’attività di ristorazione, allo stesso tempo rimane vero che una puntata in cui i giudizi sono pressoché negativi finisce per penalizzare, e non poco, i concorrenti. E, secondo quanto riportato dal ristoratore Daniele Bovolan, questo è proprio quello che gli è accaduto, con un “enorme danno di immagine” avuto dopo 4 Ristoranti. 

Secondo Bovolan, ultimo tra i ristoratori della puntata, l’immagine del suo locale che è uscita da 4 Ristoranti non corrisponde affatto alla realtà:

In questo meccanismo perverso sono rimasto schiacciato. Mi dispiace perché il risultato finale non è assolutamente rappresentativo del mercato padovano. Bocciare in questo modo la Gourmeria è come bocciare tutti i clienti che ogni settimana ci scelgono ormai da anni.

Per questo l’ex concorrente di 4 Ristoranti ha confessato di aver chiesto un parere legale per cercare di tutelare la sua immagine, uscita in maniera negativa dalla trasmissione.