Dolci tipici della tradizione napoletana, ma conosciute in tutta Italia e legate al periodo in cui si festeggia San Giuseppe, le zeppole sono amatissime da grandi e piccini. Questi dolci della pasticceria tradizionale non sono semplicissimi da realizzare, ma ci sono alcuni trucchetti che possono essere messi in atto per riuscire a preparare le vere zeppole di San Giuseppe: scopriamo insieme come! 

In concomitanza con la festa di San Giuseppe, che si celebra il 19 marzo insieme alla festa di tutti i papà, c’è un dolce tipico della tradizione campana che è diventato però conosciuto e “mangiato” in tutta Italia: le zeppole di San Giuseppe. Ormai si tratta quasi di un dolce “comune”, tanto che diverse pasticcerie tengono le zeppole a disposizione tutto l’anno per chi le vuole assaggiare, ma chi è legato alla tradizione e alle ricorrenze ama mangiarle proprio nel periodo in cui di solito vengono fatte, ovvero a San Giuseppe!

Si tratta di ciambelle di pasta choux ripiene di crema pasticcera, dove poi vengono aggiunte anche le amarene sciroppate. Una vera delizia per il palato! Se volete provare a rifarle a casa allora dovete tenere a mente alcuni suggerimenti per riuscire in questa impresa!

Zeppole di San Giuseppe: trucchi e consigli

Innanzitutto dovete riuscire a preparare una pasta choux che sia perfetta. Il consiglio per un impasto ideale è quello di far inglobare più aria possibile, anche aiutandovi con un cucchiaio nel momento in cui si fanno incorporare le uova. In questo modo riuscirete ad ottenere un impasto che avrà una consistenza uniforme e che potrà essere inserito nella sac à poche per realizzare le nostre zeppole.

Altro momento fondamentale è quello della frittura. In questo caso dovrete tenere sotto controllo la temperatura dell’olio, che dovrà essere necessariamente tra i 165 gradi e i 170 gradi. Si consiglia, con un termometro da cucina, di verificare che la temperatura non superi mai quella indicata, altrimenti il rischio è quello di bruciare le zeppole di San Giuseppe.