Avete mai provato a fare la pasta matta? Si tratta di un impasto tradizionale, ideale anche per la preparazione dello strudel, che però non è così semplice. Ci sono alcuni trucchi da mettere in atto per riuscire a realizzare la pasta matta nel modo giusto: scopriamoli insieme così da poter preparare una ricetta perfetta! 

La pasta matta è una preparazione tipica della cucina ligure, impiegata per realizzare diverse torte salate, ma non solo. Questo impasto, infatti, può essere utilizzato anche per preparare lo strudel, uno dei dolci tipici della tradizione. Ma come si prepara? Molto simile alla pasta brisée, ma senza burro nell’impasto, questa preparazione richiede attenzione oltre alla conoscenza di alcuni trucchi essenziali per una buona riuscita.

Come detto, la pasta matta si presta a diverse ricette: dallo strudel salato con salsicce, carote, carne fino a quello dolce ai frutti di bosco, oltre alle torte salate. Si può preparare anche una lingua di pasta matta, da utilizzare come accompagnato per il culatello, per un antipasto buonissimo e gustoso.

Pasta matta: il trucco perfetto

L’impasto è a base di farina ma, per realizzare una pasta matta degna della tradizione, uno dei trucchi consigliati è quello di aggiungere del vino bianco nel momento in cui si cerca di amalgamare il composto insieme all’acqua. Considerando circa un bicchiere di vino per ogni mezzo chilo di farina, si otterrà un impasto più facile da stendere, così da poter raggiungere uno spessore sottilissimo, simile ad un velo.

Vino e acqua, nel momento in cui si aggiungono alla farina, devono essere a temperatura ambiente. Inoltre, ricordate di far riposare l’impasto in modo da preservare la sua elasticità. Anche la fase di “riposo” deve avvenire a temperatura ambiente; mentre per la conservazione dell’impasto si dovrà utilizzare il frigo.

Per quanto riguarda invece l’olio da aggiungere all’impasto, è preferibile optare per un olio leggero, in modo che la pasta matta mantenga il suo sapore caratteristico, neutro e non forte.