Il melone è un frutto estivo molto amato, perfetto sia come fine pasto che come aperitivo dissetante e rinfrescante per le nostre belle cene estive. Questo alimento oltre a essere dolcissimo e amato da grandi e piccini è anche un concentrato di benessere: vediamo insieme le sue proprietà.

L’estate è la stagione per eccellenza della frutta e un bel melone fresco è in grado di rallegrare anche le nostre cene più eleganti. Alimento molto versatile, in cucina lo usiamo come antipasto, abbinato per esempio al prosciutto crudo, ad alcuni formaggi, ai pomodorini, ma anche come fine pasto. Ovviamente è ottimo anche per preparare gelati e granite rinfrescanti.

Oltre al suo gusto eccezionale, un buon melone è anche un vero toccasana per la nostra salute. Sono infatti tantissime le sue proprietà: per 100 grammi apporta pochissime calorie, ed è quindi perfetto anche per chi è a dieta. Essendo ricco di fibre inoltre aiuta a diminuire il senso di fame, facendoci mangiare un po’ di meno.

Ma non solo: con la sua forte presenza di vitamina C è perfetto per migliorare la salute della nostra pelle e favorire il mantenimento dell’abbronzatura in estate. Essendo ricco di acqua aiuta anche a mantenere l’organismo idratato.

Melone: ecco tutte le proprietà e le controindicazioni di questo alimento

Il melone è ricco di micronutrienti, come vitamina c, folati, potassio e antiossidanti, e il beta carotene, un valido aiuto per abbronzarci al meglio. Assumere un po’ di melone nella nostra dieta aiuta anche a regolare i livelli della pressione arteriosa e riduce anche il rischio di malattie cardiovascolari.

In generale non vi sono grandi controindicazioni nell’assunzione del melone, a parte in caso di diabete perchè per quanto esigua la presenza di zuccheri può essere un problema per chi soffre di queste patologie.

Le principali varietà di questo frutto sono il melone cantalupo (melone arancione) e il melone retato (melone bianco). Esiste poi anche il melone d’inverno (melone invernale). A livello di macronutrienti non vi sono sostanziali differenze tra queste varietà, quello che cambio è soprattutto il gusto, che però dipende anche dallo stato di maturazione del frutto.