Pink lady


Un dessert realizzato senza uova né grassi animali

Pink lady
0
(0)

Ricetta di Luca Montersino

È un semifreddo elegantissimo, ma non semplicissima da realizzare in tempi brevi. Particolare perché ha tante lavorazioni, ma originale in quanto non ha grassi animali né uova, ma solo ingredienti vegetali naturali che fanno di questo dolce un prodotto sano e leggero.

Ingredienti per
6 Persone

Pronto in
2 ore

Difficoltà
Difficile

Preparazione
2 ore

Pink lady - Ingredienti

Panna di origine vegetale
500 grammi alla soia - Per la mousse ai frutti di bosco

Inulina
200 grammi - Per la mousse ai frutti di bosco

Burro di cacao
100 grammi - Per la mousse ai frutti di bosco

Zucchero semolato
30 grammi - Per la mousse ai frutti di bosco

Frutti di bosco
380 grammi a purea - Per la mousse ai frutti di bosco

Gelatina (colla di pesce)
12 grammi - Per la mousse ai frutti di bosco

Zucchero di canna
70 grammi - Per il biscotto alle mandorle amare

Mandorle
70 grammi pelate dolci più 5 mandorle amare - Per il biscotto alle mandorle amare

Farina di farro integrale
70 grammi - Per il biscotto alle mandorle amare

Lievito in polvere per dolci
50 grammi - Per il biscotto alle mandorle amare

Olio di soia
40 grammi - Per il biscotto alle mandorle amare

Olio di mandorle
40 grammi - Per il biscotto alle mandorle amare

Panna di origine vegetale
150 grammi alla soia - Per il biscotto alle mandorle amare

Panna di origine vegetale
250 grammi qualità alla soia - Per l’inserimento al cocco

Burro di cacao
50 grammi - Per l’inserimento al cocco

Inulina
15 grammi - Per l’inserimento al cocco

Zucchero semolato
15 grammi - Per l’inserimento al cocco

Noce di cocco
190 grammi di polpa pulita - Per l’inserimento al cocco

Gelatina (colla di pesce)
6 grammi - Per l’inserimento al cocco

Lamponi
90 grammi - Per la glassa rosa

Gelatina neutra
150 grammi - Per la glassa rosa

Gelatina (colla di pesce)
10 grammi - Per la glassa rosa

Cioccolato fondente
100 grammi - Per le vele di cioccolato

Procedimento passo passo

1.​Il biscotto con le mandorle amare

Raffiniamo mandorle e zucchero. Incorporiamo la farina di farro e il baking. A parte misceliamo la panna di soia, l’olio extravergine di oliva e l’olio di mandorle. Uniamo i due composti, e stendiamo su carta forno. Cuociamo a 200 gradi per 10 minuti.

2.La mousse ai frutti di bosco

Montiamo la panna di soia con lo zucchero e l’inulina. Sciogliamo il burro di cacao, uniamo la colla di pesce ammorbidita in acqua e strizzata, la purea di frutti di bosco e alleggeriamo unendo la panna di soia montata.

3.​L’inserimento al cocco

Montiamo la panna di soia con lo zucchero e l’inulina. Sciogliamo il burro di cacao e la colla di pesce. Uniamo la polpa di cocco e alleggeriamo con la panna montata di soia.

4.​Le vele di cioccolato

Sciogliamo il cioccolato nel forno a microonde, temperiamolo (vedi box) e stendiamo su carta da forno, formando strati sottilissimi. Facciamoli solidificare. Mettiamo sul fondo di un cerchio il biscotto alle mandorle amare, formiamo degli strati di mousse al cocco e di vele di cioccolato fondente. Spolveriamo con il cocco grattugiato e congeliamo.

5.Per la glassa ai lamponi

Step 5 - Pink lady

Scaldiamo metà della purea di lamponi e sciogliamoci la colla di pesce ammorbidita in acqua e strizzata. Uniamo la purea restante, la gelatina neutra e mescoliamo.

6.Componiamo la cupola

Step 6 - Pink lady

Versiamo la mousse in uno stampo a cupola e cospargiamo di frutti di bosco. Mettiamo, ora, l’inserimento al cocco congelato e, infine, la mousse ai frutti di bosco rimasta. Terminiamo con il biscotto alla mandorle amare e congeliamo. Togliamo dallo stampo, glassiamo e decoriamo a piacere.


Seguici su

Ti potrebbero interessare

Panettone millefiori
Due dolci tradizionali di Natale riuniti in un'unica, maestosa creazione!
...continua »
La dolce vita
Per occasioni davvero indimenticabili
...continua »
Parfait di fragole
Lo abbiamo servito con biscuit al profumo di menta, salsa di cioccolato bianco e croccante di mandorle tostate
...continua »
Lingue di gatto
Si preparano in men che non si dica!
...continua »