Ricette della regione Lazio



Lazio
Il territorio compreso tra alto Lazio e bassa Toscana è corrisponde all’antica Etruria, e si estende dal mar Tirreno fino alla parte occidentale dell’Umbria. Quindi, la regione Lazio è ricca di abbinamenti in cucina, con carattere tendenzialmente povero, cioè i suoi piatti sono soprattutto popolari, dove un tempo era necessario arrangiarsi con quel poco che offriva la terra, come la cucina romana con pietanze ricche e sostanziose tipo i bucatini all’amatriciana, simbolo della romanità a tavola, piatto a base di strutto, guanciale, pomodoro, peperoncino e pecorino. Oppure i bucatini cacio e pepe piatto di tradizione borgatara, come  gli gnocchi di semolino alla romana, la pajata o gli spaghetti alla carbonara. Chi ama le zuppe, poi, si trova nella sua terra promessa. L’acquacotta è fatta con cicoria di campo, patate, pomodori, cipolla, peperoncino e nipitella (pianta aromatica dalla fragranza simile alla menta). Può essere rinforzata da un uovo in camicia, ma più tipicamente viene arricchita dal baccalà diventando un sostanzioso, eccellente piatto unico. Meno impegnativa la panzanella, con pane raffermo bagnato in acqua, olio, aceto, mentuccia e alici. Imperdibile il minestrone alla viterbese, rinomato per la grande varietà (e qualità) di ortaggi. Sulle rive del lago di Bolsena, troviamo la sorpresa della sbroscia: antica zuppa di pesce preparata con soli pesci di lago. Ma non mancano le paste fresche come i lombrichelli, spaghettoni freschi fatti a mano. Sono conditi con salsa di pomodoro resa ben piccante dal peperoncino e pecorino. Fra i secondi di carne, la pignattaccia, specialità dell’area viterbese. Umido di carni suine e bovine miste a verdure, cotte al forno in un tegame di coccio. 

Ricette da altre regioni

Impasto base per tutte le sfoglie
Lasagne alla bolognese, tagliatelle, balanzoni… parte tutto da qui!
Strozzapreti con ragù di patate
Questa volta abbiamo corretto il sugo in modo leggero
Seguici su