BBQ, le tecniche giuste per un'ottima cottura alla griglia



Amore e passione per il barbecue e per il grill

BBQ, le tecniche giuste per un'ottima cottura alla griglia

Organizzare un barbecue (BBQ) party, è soprattutto condividere con gli amici allegria, gioia e deliziose pietanze cucinate all'aperto. Ma cosa significa BBQ? In buona sostanza, è una tecnica di preparazione dei cibi, un metodo di cottura alla brace caratterizzata soprattutto da comodi e lenti tempi di cottura. Il fumo che emana, la croccantezza dei cibi, il gusto pieno e appetibile delle pietanze giocano tutti un ruolo fondamentale per una buona e sana grigliata all'aperto. 

Quali cibi possiamo cucinare utilizzando il barbecue? 
Un po' tutti! Primi piatti come gli gnocchetti e salsiccia farciti con caprino, che goduria! Continuiamo con la carne, tasca di vitello, la spalla di maiale, e l'irrinunciabile bistecca, oppure con la frutta, banane BBQ. Insomma, tanti piatti per stupire!

Ma come e dove posizionare il barbecue? 
Scegliamo un luogo pianeggiante, lontano da erbe secche, rami penzolanti o cespugli. Per alimentarlo, possiamo usare il carbone di legno o i bricchetti. Il primo non ha additivi e sviluppa un calore alto e talvolta irregolare, visto che è un prodotto completamente naturale. I bricchetti, fatti di polvere di carbone compattata, sono più economici e sviluppano un calore costante. Alcuni contengono componenti per facilitarne l’accensione che però, in alcuni casi, rilasciano odori che potrebbero alterare il sapore degli alimenti.

Il fuoco
Non deve esserci fiamma. Bisogna cuocere sulla brace sapendo che il calore sprigionato è fortissimo: si arriva fino a 700 gradi. Sarebbe meglio usare carbone, ma spesso i vantaggi del calore omogeneo e mantenuto a lungo scontano lo svantaggio di avere una fonte molto carbonica, capace di abbrustolire troppo il cibo. Inoltre carbone e carbonella non sono la stessa cosa. Il primo è senza ombra di dubbio la scelta più indicata perché, tra i vari motivi, ha una resa aromatica superiore e una migliore tenuta della temperatura. Il barbecue a carbonella si accende con piccoli trucioli di legno o giornali vecchi. Quello a legna come fosse un camino, quindi con rametti secchi.

La griglia
La migliore è quella di ghisa. Perché mantiene il calore e soprattutto consente di fare delle belle strisce brunite sui cibi. Dovrebbe avere le stecche non troppo sottili. Vanno bene anche quelle di ferro pesante, un po’ meno quelle di filo d’acciaio (le più diffuse), perché si scalda rapidamente, ma altrettanto rapidamente perde temperatura.

Gli attrezzi giusti
Prima di procedere all’acquisto del barbecue dobbiamo chiederci dove lo useremo, quanto cibo ci cucineremo, se pensiamo di usarlo tutto l’anno, qual è il budget e, soprattutto, se preferiamo profumi rilasciati da un grill a carbone o a gas. I barbecue portatili a carbone sono validi per grigliate occasionali, realizzate con piccoli pezzi di cibo e per poche persone. Se vogliamo cuocere tagli più importanti, servire gruppi numerosi e soprattutto pensiamo di fare grigliate non solo nella bella stagione, può avere senso l’acquisto di un barbecue coperto, sia esso a gas o a carbonella. Indispensabile è la pinza da grill. Non forate mai gli alimenti. Per rigirarli utilizzate la pinza, appunto, o la spatola. Altrimenti i succhi del cibo – e segnatamente quelli della carne – si disperdono e nel piatto avrete solette da scarpe invece che bistecche! In alternativa utilizzate una griglia doppia a cerniera che consente – se abbiamo buoni muscoli – di girare direttamente tutta la grigliata.
 

Foto

Griglia o barbecue?

Griglia o barbecue?

Se vogliamo  una fiorentina, useremo la griglia su calore diretto ad alte temperature. Per il barbecue invece serve tempo e la cottura è lentissima, su fuoco indiretto. E deve esserci il fumo, che massaggia dolcemente carne o pesce. 

Apparecchiamo per una tavolata

Apparecchiamo per una tavolata

Anche se il profumo delle leccornie che cuociono è molto apprezzato, la griglia deve essere disposta su un terrazzo o in giardino, lontana dai commensali, per non disturbarli con il fumo. Organizzate una grande tavolata oppure, se gli ospiti sono molti, potete allestire tavolini o punti di appoggio. Utilizzate tovagliette allegre e colorate e non dimenticate i centrotavola fatti con fiori di campagna e rami di piante aromatiche (come alloro o rosmarino in fiore), magari sistemati in cesti o fioriere di sughero o legno. Largo a piatti semplici per servire le pietanze, i taglieri di legno saranno perfetti. Scegliete bicchieri colorati e robusti perché siamo all’aperto, il cristallo può rompersi facilmente! Per lo stesso motivo, usate brocche di coccio al posto delle bottiglie che rendono l’apparecchiatura più rustica. Come segnaposto piccoli taglieri di legno, con i nomi degli ospiti che, così, ricorderanno il favoloso BBQ party a cui hanno partecipato!


Commenti degli utenti


Non ci sono ancora commenti per questo contenuto!

Lascia il tuo commento




1500 caratteri rimanenti

Altre proposte di stile

La tavola di Natale, allegre suggestioni in rosso
Apparecchiatura a misura di bimbo, con idee e ispirazioni tutte dedicate a loro
...continua »
Pic-nic? C’est chic!
Cosa c’è di meglio di un cestino pieno di leccornie per godersi le belle giornate? Senza dimenticare le buone maniere
...continua »
Calde suggestioni natalizie
Divertiamoci a preparare con i nostri bambini semplici, ma suggestivi elementi dècor
...continua »
La tavola e i menu di Halloween
Halloween, festa di derivazione anglosassone, sa regalare spunti originali per organizzare una cena con gli amici. Tra i protagonisti c’è la zucca che, tuttavia, useremo anche come decorazione per la tavola.
...continua »
Buona festa della mamma!
Ripaghiamo il tempo che ci ha dedicato con un'apparecchiatura dolcissima e un menu tutto per lei!
...continua »
Seguici su