• Oli
  • Olio di semi di arachide



Olio di semi di arachidecerchio

Mentre l’uso a crudo di olio d’oliva e di semi non comporta particolari accorgimenti, importante è la scelta di quello per le fritture. Con questo tipo di cottura, infatti, bisogna salvaguardare le qualità organolettiche degli alimenti e a non modificarne la chimica, trasformandoli in sostanze dannose. È importante, a questo proposito, che l’olio non raggiunga mai il “punto di fumo” (che varia a seconda del tipo). Ovvero, non avvenga ciò che i chimici chiamano “pirolisi”, ossia la rottura delle molecole dovuta al calore, che origina sostanze volatili dannose per il fegato. Quello di arachidi è incolore e ha gusto neutro. Ha una composizione di acidi grassi simile a quella dell'olio extravergine d’oliva, in quanto contiene acidi monoinsaturi e pochi polinsaturi. Questa composizione ne fa un olio adatto per friggere.

Mix di panini con cotechino
Nelle farce abbiamo abbinato anche carciofi e mostarda
...continua »
Pici con alici, finocchietto e pinoli
Un classico che diventa un grande piatto!
...continua »
Scampi fritti e al forno con verdure
Idea veloce e saporita per un brunch
...continua »
Frittelle allo stracchino
Sono fatte con il formaggio fresco e si mangiano con acciughe e uova sode
...continua »
Crostini caldi al caprino
Serviamo questi croccanti antipasti ancora caldi di forno
...continua »
Seguici su