È originario del Medio Oriente, dove veniva coltivato già in età preistorica, particolarmente in Persia. A introdurlo sui mercati d’Occidente ci pensarono gli arabi. I pistacchi sono utilizzati sia sgusciati sia pelati, spesso tostati e salati, anche in pasticceria, per preparare gelati, creme ma anche per la produzione di particolari salumi come la mortadella Bologna, ad esempio. È uno di quegli stuzzichini di cui non si riesce mai a fare a meno. Davanti alla Tv, mentre cuciniamo, per accompagnare un aperitivo fresco, o sul gelato. Insomma, il pistacchio è un po’ come le ciliegie: uno tira l’altro. Come tutta la frutta a guscio la presenza del pistacchio negli alimenti va indicata per legge in etichetta, ciò al fine di prevenire il possibile scatenamento di una allergia alimentare.

Pasta “Bassotti” con salsa di pomodoro
E' una sorta di frittata di tagliolini, ma all'emiliana
...continua »
Triangoli alle carote ripieni di confettura di prugne
Fagottini deliziosi con un ripieno che non ti aspetti
...continua »
Cestini di polenta
Ricetta di recupero, un’idea originale per utilizzare gli avanzi
...continua »
Spaghetti con cozze ripiene al sugo di pomodoro
Una sciccheria che farà la dofferenza a tavola
...continua »
Rosette di verdure estive
Si può portare in tavola anche come elegante antipasto
...continua »
Seguici su