I semi del mandorlo sono molto usati in cucina e in medicina. La Sicilia ne è ricca, ma si trovano ovunque il clima sia temperato. Da sempre, nella cucina del Mediterraneo sono un ingrediente eccezionale per piatti salati e soprattutto dolci. In commercio le mandorle si trovano nelle forme più svariate: ancora protette dal guscio legnoso, vestite della caratteristica pellicina, pelate e addirittura tostate. Dalla loro pigiatura si ottiene un latte molto buono e salutare. Se ne distinguono due varietà, quella dolce (la più comune) e quella amara, meno adatta per l’alimentazione umana. Quest’ultima contiene un glucoside tossico, la amigdalina, che si neutralizza solo con la cottura prolungata. Si tratta di un frutto ricco di trigliceridi e acidi grassi, generoso a livello proteico e di sali minerali. Per cui risulta un alimento molto energetico ma anche molto digeribile. Per lo spiccato contenuto di sali minerali, in particolare il magnesio, sono un toccasana per l’osteoporosi. Stabilizzano la glicemia nei diabetici. L’olio di mandorle che si ottiene dalla spremitura a freddo dei semi è ricco di vitamina E, B e D, ottimo risolutivo per chi soffre di pelle secca.

Zuppa di funghi, patate e coda di rospo
Particolare e golosa, l'abbiamo preparata con la coda di rospo
...continua »
Zuppa di cipolle con crostone al pecorino
Ottimo piatto caldo che fa parte del "comfort food" da consumare quando fa freddo
...continua »
Ravioli al vitello e scarola
Il primo piatto che profuma di verde, burro e formaggio
...continua »
Zuppa di pollo con carote, timo e zenzero
Ottima e colorata, adatta per le serate fredde
...continua »
Seguici su